La vita umana: prima meraviglia 

               

Le prime due settimane del bambino coincidono con le ultime due settimane del ciclo mestruale materno: 14 giorni dall'ovulazione. Perciò quando il piccino entra nella terza settimana la madre non ha ancora il presentimento della sua esistenza. Finchè il notevole ritardo del flusso la metterà in sospetto... Ma prima di allora lui si è già sviluppato freneticamente: ha gemmato le vescicole cerebrali nella bombatura della testa, dove vanno affiorando gli occhi; ha formato il sistema nervoso, i polmoni, l'intestino, lo stomaco e...il cuore!

 

Il battito del suo cuore, ora più regolare, può già essere fissato su di un  elettrocardiogramma. La grossa ombra rossa sotto la manina è il fegato, che produce il sangue e lo immette nella circolazione. Il bambino fabbrica da sè il suo sangue, come tutti gli altri organi e tessuti; i primi globuli sanguigni se li fabbrica in un "torlo" esterno, attaccato con un lungo peduncolo alla placenta; lo si vede in basso, in questa foto presa verso la quinta settimana: sembra il palloncino del piccolo! Finito del tutto il suo compito, si staccherà con il suo filo....

 

 Ecco il nostro bambino a 6 settimane. La testa resterà a lungo la parte più vistosa e commovente del corpicino; si può ormai registrarne l'attività in un normale elettro-encefalogramma. Le dita sono ormai "sbocciate", ma le braccia sono ancora troppo corte e le manine non si possono incontrare. Gli occhi si sono costruiti con le cellule del cervello; il velo delle palpebre è già calato, ma è così trasparente che non  lo si vede.

 

Il piccino, che ora viene chiamato feto, ha 8 settimane. Ha ormai superato i 60 giorni più importanti della sua vita: la formazione di tutti i suoi organi è terminata. In lui c'è già tutto quello che si troverà nell'essere umano perfettamente sviluppato! D'ora in poi non avrà bisogno che di raffinare le sue funzioni e di crescere: dai due a i nove mesi moltiplicherà venti volte la sua statura e mille volte il suo peso. Dunque, quando la madre si presenta alla sua prima visita di controllo il suoi bambino è già completo. Come in un vero gioiello tutto è gemma in lui: la gemma delle labbra, delle narici, degli orecchi, del sesso, perfino le gemme dei futuri dentini...

 

A 3 mesi le sue fattezze si stanno ormai precisando. Le labbra si aprono e si chiudono, la fronte si raggrinza, l'area delle sopracciglia si solleva, la testa si volta: il piccolo cerca di farsi espressivo, di inventare un muto ma efficace linguaggio per farsi capire appena sarà nato. Spuntano le unghie alle mani e ai piedi, la colonna vertebrale si ossifica, sul petto nascono le piccole protuberanze delle mammelle; dagli organi genitali, ora perfezionati all'esterno, si può sapere se è maschio o femmina.

  

Ha soltanto 4 mesi ed è già perfetto! I suoi movimenti nel suo mondo acquatico sono agili e pieni di grazia. Talvolta le sue manine tirano pugni di protesta se qualcosa lo disturba troppo. E queste manine hanno già le impronte digitali da circa due mesi!

 

A 5 mesi si succhia il dito, esercitandosi per quando succhierà il latte della mamma! Quando il pollice si avvicina alla bocca, subito le labbra lo afferrano e la lingua comincia piccoli movimenti di suzione. E' un riflesso necessario al piccino per dopo, quando sarà il seno o il dito della madre a sfiorargli la guancia e lui si volterà con la bocca protesa, pronta a poppare. Così si prepara a quel dolce momento.

 

Pagina iniziale